Cronaca

Cronaca dopo la manifestazione del 30 ottobre 2010

Pubblichiamo il comunicato stampa del Coordinamento Trentino Pulito dopo il commento del presidente Dellai sulla manifestazione di sabato 30 ottobre.
Oggi si aggiunge la voce del suo vice Pacher che  si riaffanna a rassicurare tutti, alcuni in particolare, sul rispetto di improrogabili scadenze di società per (poco meritevoli) azioni, finanziarie e banche. Ovvero secondo quella particolare concezione della tutela del bene comune per cui solo una ridotta maggioranza, coinvolta in questo enorme conflitto di interessi e con questa maniacale cura dei propri giardini, dovrebbe garantire il normale iter “democratico” dell'affare inceneritore.
Sembrano lontani i tempi in cui certa politica era ritenuta “zerbino”, forse meno lontani quelli in cui, come disse il prof. Silvano Zucal, la professione più ambita dei frequentatori di certa politica è quella di “soldatino”.


Redazione Ecce Terra

Trento, 1 novembre 2010



Dellai e i trattori inquinanti
Comunicato stampa del Coordinamento Trentino Pulito
Trento, 31 ottobre 2010


Il comitato “Coordinamento Trentino Pulito” a fronte delle dichiarazione espresse dal Presidente della Provincia Dellai in merito alla manifestazione del 30 ottobre, esprime il proprio disappunto nel constatare che un'Autorità, quale appunto il Presidente della Provincia di Trento, deputato alla rappresentanza dei propri cittadini, non abbia posto ascolto e considerazione alle motivate e fondate perplessità espresse attraverso una pacifica manifestazione che ha visto la presenza di cittadini, rappresentanti pubblici, categorie economiche, associazioni e comitati, sindacati e patronati.

 

Il Presidente ha colto solo la presenza di “trattori inquinanti”, liquidando la questione con una battuta, evidenziata dai media, e cioè “hanno inquinato più loro che l'impianto”, e "dimenticando" di commentare invece, ad esempio, l'esperienza concreta portata dall'assessore del Comune di Ponte nelle Alpi, Ezio Orzes, che ha dimostrato come, con metodi alternativi, si finisca per stoccare in discarica molto meno di quanto non succederebbe con un inceneritore, e con costi - tra l'altro - inferiori, particolare non di poco conto, dato il momento di crisi economica.

È superfluo osservare come i trattori - che non emettono diossine - abbiano sfilato per poche ore mentre un “inceneritore dalla lunga vita” è destinato ad emettere diossine, PCB, metalli pesanti e nanoparticelle ininterrottamente per 20 anni e più.

Ci sembra banale trovarci costretti ad interloquire in tali termini, considerando e ribadendo che il nostro intento è promuovere un confronto nel merito, di diverso spessore.

Non è quindi, sicuramente questo il rapporto che vorremmo avere con i rappresentanti da noi eletti.

Una precisazione anche sul numero dei partecipanti alla manifestazione di sabato: l'ANSA, presente alle 10 del mattino in Piazzale Sanseverino, ha stimato una presenza di 700 persone, e diversi media si sono attenuti a questa cifra, senza considerare che il corteo si è andato ingrossando mano a mano che procedeva, fino a superare abbondantemente le 1.500 persone, che desideriamo ringraziare una ad una per la partecipazione.


Cordialmente.
Il Direttivo Coordinamento Trentino Pulito

 

▪ ▪ ▪


Leggi le pagine della cronaca, cliccando sulle parole in stampatello

 

LETTERA di Tanja Vukic, consigliere comunale PD a Mezzolombardo

L'inceneritore e i nostri figli

Trentino, 2 novembre 2010

 

DOCUMENTO di qualche tempo fa, ovvero l’altra faccia del PD, quella obbligata – già nel titolo - da un “termovalorizzatore” che non è citato nello stesso Studio di fattibilità prodotto per conto della PAT

Termovalorizzatore, una scelta necessaria

 

▪ ▪ ▪

 

Le pagine de l'Adige, 1 novembre 2010


PAGINA 1
Pacher: l’inceneritore si farà
«Micidiale la logica di Nimby, la politica deve decidere»


PAGINA 12
«L’inceneritore non è calato dall’alto»
Pacher: comitati sentinella per vigilare sull’impianto


PAGINA 18
«Il sistema dei rifiuti non è al collasso»
Pacher: «I controlli? Non erano finiti i lavori»
E Bisoffi ora chiede un tavolo di confronto


PAGINA 21
Fiamozzi infuriato: «Dellai ci ha offesi»
La battuta su inceneritore e trattori rompe il fronte


▪ ▪ ▪


LA PAGINA del Corriere del Trentino, 31 ottobre 2010


«Inceneritore ok, ma servono più controllori»
Dragone: l’Appa da sola non ce la fa. Dellai ironizza sugli attivisti contrari: inquinano

In piazza settecento «no» all’impianto
Corteo di Trentino pulito: «Scelta calata dall’alto, il bando è da bloccare»

Il Comune assicura: «I rischi per la salute sono minimi»

 

 

Le pagine de l'Adige, 31 ottobre 2010 


PAGINA 15
Settecento no all’inceneritore
Agricoltori e ambientalisti in corteo per un’alternativa


PAGINE 16 E 17
«Bruciate il futuro»
Dai contadini agli ambientalisti
«In gioco l’avvenire del Trentino»

La replica di Andreatta
«Nessun rischio salute»
Il sistema Vedelago non è considerato un’alternativa

«L’alternativa esiste»
Dai sindaci alle mamme BioNike


PAGINA 18
Dellai: «Inquinano di più i trattori»
Il governatore «fulmina» gli autori della protesta

video

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.