Cronaca

I Festival di conflittualità e autocensure

Nota di Nimby trentino


A pochi giorni dall’apertura del Festival delle “informazioni”, l’Adige del 22 maggio riporta la notizia sulle valutazioni dell’Istituto Superiore di Sanità sulla situazione (analisi) della fonderia Valsugana.

Le loro comunicazioni ai vertici dell’Appa “suggerivano anche approcci diversi di analisi, ponevano interrogativi e si riferivano anche alle statistiche epidemiologiche fornite dall’Azienda sanitaria in relazione alle possibili cause dell’inquinamento. Indicando percorsi diversi per ottenere risultati più significativi.

Conclude il giornalista: “Lunedì scorso, al Tavolo istituito dalla Provincia per cercare un terreno d’incontro con i Medici per l’Ambiente che con una successiva campionatura misero in dubbio i risultati dell’indagine Appa, non c’erano i tecnici dell’Istituto superiore di sanità. E mercoledì i carabinieri  per ordine della Procura di Trento, hanno sequestrato negli uffici dell’Appa una serie di documenti.


Ciò potrebbe significare che, in quella come in altre delicate situazioni, le informazioni debbano essere gestite con la massima attenzione e autocensura.

Pare "delicata" anche la partita rifiuti dove, a fare da fondale alla loro gestione, con rari sprazzi di trasparenza, vige lo stesso sistema. Siano essi urbani, speciali o, peggio, pericolosi o tossici.

 

Il 22 e 23 maggio 2010 Coordinamento Trentino pulito, Mamme bionike e Nimby trentino saranno presenti ad Arco al “1° Festival dell'Informazione Indipendente”.

In quella Arco che “ospita” anche la discarica della Maza sui cui conferimenti pesano numerose conflittualità, sia gestionali sia di… competenza.

 

Non sarà un caso se uno dei gestori indagati dalla magistratura confligga indistintamente in svariati campi della gestione o indigestione di rifiuti, urbani, speciali e pericolosi: dalla raccolta al riciclaggio allo smaltimento.

Basterebbe almeno qualche sprazzo di trasparenza per sapere cosa è stato conferito alla Maza, così come è emerso, o sta emergendo, per Valsugana, Sardagna ecc..

Ma è probabile che tutto ciò non abbia nulla a che fare con il titolo della 5^ edizione del Festival dell'Economia perché ciò che si trasmette dal palco è il frutto di accordi e mediazioni vòlte a nascondere troppe verità.

E non ha nulla a che fare nemmeno con un bando di gara per incenerire che sempre più appare ai più come il festival delle conflittualità. Queste sì, verso trasparenza.

 

Trento, 22 maggio 2010