Suggerimenti alla proposta del 4° aggiornamento Piano rifiuti

«Il rifiuto residuo si può dimezzare»

 l’Adige – Franco Gottardi, 25 marzo 2014

Le osservazioni del Comune di Trento

 

Suggerimenti correttivi alla proposta del

IV aggiornamento del Piano di gestione rifiuti

di Nimby trentino e Coordinamento Trentino Pulito

Marzo 2014

 

L'aggiornamento del Piano rifiuti è un'occasione da non perdere per superare la contraddizione di fondo che ha caratterizzato la linea politica provinciale in questi anni nei quali si è proceduto su due piani paralleli e fra loro in conflitto.

Da un lato si voleva andare verso la “soluzione finale” tramite incenerimento del rifiuto solido urbano, dall'altro promuovere passi rilevanti, tramite la differenziata “porta a porta” e la tariffa puntuale, per “minimizzare” la frazione residua da smaltire.

L'abbandono dell'idea di costruire in Trentino un impianto di incenerimento, che esigendo rifiuti da smaltire sarebbe stato in antagonismo con la parallela crescita di un sistema virtuoso e flessibile, riapre uno scenario coerente con l'opzione che privilegia riduzione della produzione di rifiuti e del residuo da smaltire e riciclaggio dei materiali.

Le performance rilevanti raggiunte nel giro di pochi anni anche dal capoluogo, malgrado il mal riposto pessimismo di molti politici, ci dicono che la via maestra oggi è insistere su questa strada - come peraltro riportato in alcuni passaggi della Proposta di aggiornamento del Piano provinciale rifiuti – che può portare la provincia a produrre assai meno di 50.000 tonn/anno da smaltire.

Leggi tutto

 

Su CSS e cementifici 

● Decreto Clini 

● Potenzialità e benefici dall’impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell’industria

● Formation and Release of POPs in the Cement Industry – Second edition 

● Refuse derived fuel, current practice and perspectives – Final report

 

video

Contenuto alternativo flash

Per visualizzare questo Flash hai bisogno del Javascript sul vostro browser e la versione aggiornata del player flash.