Acciaieria Valsugana, in attesa del risarcimento alla Valsugana

Acciaieria Valsugana, in attesa del risarcimento alla Valsugana

 


L’annuncio dei buchi milionari dell’Acciaieria Valsugana e del gruppo Leali assomiglia ad altri annunci del passato ai quali ha fatto seguito la dichiarazione di disponibilità della nostra Provincia pronta a farsi carico, attraverso Trentino Sviluppo, dei debiti e degli insuccessi di tanti imprenditori, molti dei quali ben contribuiti.

Anche se erano altri tempi e diversa situazione, capitò anche con la Whirlpool nel 2007 quando la Provincia acquistò il capannone per un prezzo complessivo di 45 milioni di euro più altri 9 di tasse.

 

Speriamo che l’autonomia ce la mandi buona, altrimenti al danno economico si aggiungerebbero beffe e danni alla salute di un trentennio infausto per la Valsugana, con l’incompatibile scelta di farne un “polo siderurgico”.

 

Redazione Ecce Terra

Trento, 25 settembre 2012

 

 

Clicca sull'immagine per leggere l'articolo