Bassa Valsugana

La torbida biotrasparenza dell’Amministrazione di Novaledo

La torbida biotrasparenza dell’Amministrazione di Novaledo

Per un "pugno" di euro da biomassa

Mancava solo questo ultimo atto per qualificare l’efficienza organizzativa e comunicativa dell’Amministrazione di Novaledo. Questa, assieme al comune di Roncegno (che ha concorso con 1/3 della spesa), ha incaricato  l’ing. Francesco Chiosi di predisporre uno studio sulla centrale a biomassa, ambita da Menz & Gasser.

Sindaco Margon e vicesindaco Cestele di Novaledo la ricevono e se la tengono come cosa riservata, senza nemmeno consegnarne copia al comune di Roncegno, figurarsi ai cittadini che l’hanno richiesta. Prima ritengono coerentemente doveroso condividerla con la ditta proponente l’impianto e con la Pat così da predisporre una comunicazione ad hoc.

Al di là del contenuto dello studio dell’ing. Chiosi, cosa potrebbe ancora accadere per squalificare l’operato di un’amministrazione, così attenta alle pretese di una sola parte (e della propria) e così sorda ai diritti-doveri di un’altra, amministrazione di Roncegno inclusa?  

Redazione Ecce Terra, 28 novembre 2015 

 

Estratto da l’Adige, 27 novembre 2015

 

Clicca sulla pagina per leggere