ECCE ITALIA

Nell’Italia delle censure della sovranità limitata Sallusti si perde in una metafora

Nell’Italia delle censure della sovranità limitata Sallusti si perde in una metafora

 


Il direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, guarda con eccessiva morbosità alle questioni trentine, laddove riprende Cristiana Chiarani, rea di essere “giornalista che vuole uccidere il Cavaliere”.

Vorremmo rassicurarlo, qui nessuno vuole uccidere nessuno, semmai è opportuno rilevare che altri da tempo hanno fatto strage di buona informazione, comprandosela.

 

Ci si dovrebbe occupare di altra informazione, vecchia o recente, che riguarda il Trentino, di cose scomode che il proprietario (ed altri) di Sallusti preferiscono censurare: come il documentario sottoriportato sul caso della strage del Cermis, uno a caso, in cui c’è qualcosa di apparentemente poco rilevante che ci riguarda anche come Trentini. Non sarà frutto del caso se quel fatto criminale è citato sia in apertura sia in chiusura del documentario.

Questo si chiama giornalismo d’inchiesta, quello libero. A praticarlo è sicuro che caccerebbero anche un direttore come Sallusti.

 

Redazione Ecce Terra

Trento, 12 dicembre 2012