ECCE

Siamo nella terza guerra mondiale: buon divertimento!

1 aprile 2010

di John Pilger - www.johnpilger.com 


Nella sua ultima colonna per il New Statesman, John Pilger descrive il crescente fronte di guerra statunitense in tutto il mondo: dall'Afghanistan all' Africa e America Latina. Questa è la terza guerra mondiale a tutti gli effetti, condotta dalla sola aggressiva "ideologia" che nega di essere un'ideologia e che non è minacciata da introverse tribù in luoghi lontani, ma dagli istinti anti-guerra dei propri cittadini.

Ecco la notizia della terza guerra mondiale. Gli Stati Uniti hanno invaso l'Africa. Truppe statunitensi sono entrate in Somalia e hanno esteso il loro fronte di guerra dall'Afghanistan e Pakistan allo Yemen e ora nel Corno d'Africa. Hanno situato missili in quattro Stati del Golfo Persico per preparare un attacco contro l'Iran e si dice che stanno arrivando bombe antibunker alla base Usa sull'isola britannica Diego Garcia nell'Oceano Indiano.

A Gaza  la popolazione di malati e abbandonati, soprattutto bambini, è stata sepolta dietro le pareti della metropolitana fornite dagli Stati Uniti per rafforzare l'assedio criminale. In America Latina, l'amministrazione Obama ha ottenuto sette basi in Colombia, da cui lanciare guerre di logoramento contro democrazie popolari in Venezuela, Bolivia, Ecuador e Paraguay. Nel frattempo, il Segretario della "Difesa" Robert Gates si lamenta che "in generale l'opinione pubblica [europea], e la classe politica" sono così contrari alla guerra, che sono un "ostacolo" alla pace. Ricordate che questo è il mese della Lepre di Marzo (1).


Secondo un generale americano, l'invasione e l'occupazione dell'Afghanistan non è tanto una guerra reale ma una "guerra di percezione". Così, la recente "liberazione della città di Marja" dalla "struttura di comando e controllo" dei talebani era pura Hollywood. Marja non è una città, non c'era il comando e il controllo dei talebani. Gli eroici liberatori uccisero civili come sempre, più poveri tra i poveri. Diversamente, era una farsa. Una guerra di percezione si prefigge di fornire notizie false ai loro connazionali, realizzare una fallita avventura coloniale, non sembra utile e patriottica, come se in The Hurt Locker (2) fossero reali e le sfilate di bare avvolte in bandiere attraverso la città di Wiltshire Wooten Basset non fossero un cinico esercizio di propaganda.


"La guerra è divertente", dicevano i caschi in Vietnam, con la più oscura delle ironie, il che significa che se risulta chiaro che una guerra non ha scopo diverso da quello di giustificare il potere vorace per la causa fanatismi lucrativi come l'industria delle armi, non ci sono segnali di pericolo reali. Si può illustrare questo pericolo con la percezione liberale di Tony Blair nel 1997, come qualcuno "che vuole creare un mondo [in cui] l'ideologia si è arresa completamente ai valori" (Hugo Young, The Guardian) rispetto alla valutazione attuale del pubblico di un bugiardo e criminale di guerra.


Gli Stati occidentali come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna non sono minacciati dai talebani o altre introverse tribù in località remote, ma dagli istinti di anti-guerra dei propri cittadini. Considerare le sentenze draconiane pronunciate a Londra contro decine di giovani che protestavano contro l'assalto israeliano su Gaza nel gennaio dello scorso anno. Dopo le manifestazioni in cui la polizia paramilitare ha messo con le spalle al muro migliaia di loro, i colpevoli sono stati puniti con due anni e mezzo di carcere per reati minori, che normalmente non prevedono reclusione. Su entrambi i lati dell' Atlantico il dissenzo alla guerra illegale è diventato un grave crimine.


Il silenzio in altri ambiti fondamentali permette questa parodia morale. Attraverso l' arte, la letteratura, il giornalismo e il diritto le élites liberali, che si sono allontanate in fretta dalle macerie di Blair e Obama ora, continuano a sviluppare la loro indifferenza alla barbarie e gli obiettivi dei crimini degli Stati occidentali promuovendo retrospettivamente i mali dei loro opportuni demoni, come Saddam Hussein. Ora che Harold Pinter se n'è andato, provano a compilare una lista di scrittori, artisti e avvocati famosi, i cui principi non sono stati consumati dal "mercato" o neutralizzati dalla loro celebrità. Chi di loro ha menzionato l'olocausto dell'Iraq per quasi venti anni di blocco e aggressioni mortali? E tutto questo è stato deliberato. Il 22 gennaio 1991, la Defense Intelligence Agency statunitense prevede con impressionante dettaglio come il blocco distruggerà sistematicamente il sistema iracheno di acqua potabile portando ad una "maggiore incidenza di malattie, se non di epidemie". Così gli Stati Uniti cominciarono a togliere l'acqua alla popolazione irachena, una delle cause, secondo l'UNICEF, della morte di mezzo milione di bambini sotto i cinque anni. Ma a quanto pare questo estremismo non ha nome.


Norman Mailer ha detto una volta che credeva che nella loro interminabile ricerca della guerra e del dominio gli Stati Uniti erano entrati in un' "era pre-fascista." Mailer sembrava esitante, come se cercasse di mettere in guardia su qualcosa che non poteva ben definire. Il termine "fascismo" non è adeguato perché invoca pigri precedenti storici, che evovano ancora una volta l'iconografia della repressione italiana e tedesca. D'altra parte, l'autoritarismo americano, come il critico culturale Henry Giroux ha sottolineato di recente, è "più sfumato, meno teatrale, più astuto, meno interessati alle modalità repressive di controllo rispetto alle modalità di manipolazione del consenso".


Questo è l'americanismo, l'unica ideologia depredatrice che nega di essere un'ideologia. L'ascesa delle corporazioni tentacolari che sono dittature per vere e proprie e di un esercito che è ormai uno Stato nello Stato, che si trova dietro la facciata della miglior democrazia che i 35.000 membri delle lobbyes di Washington possono comprare e di una cultura popolare programmata per distrarre e istupidire, è senza precedenti. Forse è più sfumata, ma i risultati sono inequivocabili e familiari. Denis Halliday e Hans von Sponeck, alte cariche delle Nazioni Unite in Iraq durante l'embargo diretto dagli Stati Uniti e Gran Bretagna, non hanno alcun dubbio sul fatto che sono stati testimoni di un genocidio. Non hanno visto camere a gas. Insidiosos, no declarados, incluso presentados ingeniosamente como un futuro de progreso, la Tercera Guerra Mundial y su genocidio siguieron adelante, ser humano a ser humano. Insidiose, non dichiarate, anche argutamente presentate come un futuro di progresso, la terza guerra mondiale e il suo genocidio continua, essere umano a essere umano.


Nella prossima campagna elettorale in Gran Bretagna i candidati faranno riferimento a questa guerra solo per elogiare "nostri ragazzi". I candidati sono mummie politiche quasi identiche avvolte in bandiere inglesi e americane. Come Blair dimostrò un po' troppo entusiasticamente, l'élite britannica ama gli Stati Uniti perché gli Stati Uniti le permette di saccheggiare e bombardare i popoli definendosi un "partner". Dovremmo interrompere il loro divertimento.


Note D.T.


(1) Si riferisce al luogo comune (di paesi di lingua inglese) che significa agire in modo assurdo e inspiegabile come una "lepre in Marzo", stagione in cui si accoppiano. Il detto è stato reso famoso dallo scrittore Lewis Carroll che incluse il personaggio della Lepre di Marzo nel suo romanzo Alice Nel Paese Delle Meraviglie.


(2) Wootton Bassett è una piccola città in Gran Bretagna, nota per i cortei funebri dei soldati uccisi in Afghanistan che arrivano dalla vicina base militare.

Joomla25 Appliance - Powered by TurnKey Linux