Ecce Terra

Un nuovo capitolo: da "Ecceterra" ad "Agricultura" (3)

Adriano Rizzoli ha chiamato a raccoltun nutrito gruppo di persone poco prima di andarsene, il 14 febbraio 2017.

Lo ha fatto ispirandole a occuparsi in prima persona di Agricultura. A conoscerla più da vicino per meglio comprenderla e raccontarla.

Questo gruppo sta muovendo i primi passi. Senza l'Adri in carne e ossa, ma con un Adriano nel cuore che sentiamo come fonte di incoraggiamento e appassionata determinazione.

A breve su questo sito verrà pubblicato il link a una nuova realtà online attraverso la quale parleremo di Agricultura a partire dal nostro territorio. 

Uno slogan di qualche anno fa diceva think global, act local. Ci sembra molto più che uno slogan e così desideriamo operare.

Il nome e la fisionomia di questo nuovo laboratorio di riflessione sull'agricoltura e sulle sue intersezioni con moltissimi ambiti di vita sarà presto noto al pubblico. 

E' nostro proposito seminare domande nella mente di chi ci legge e ci incontra. 

Nel segno di un dialogo fondato sul rispetto la franchezza.

...continua

Adriano, non sarà un addio

Cari amici e lettori di Ecce Terra,

addolorati informiamo dell'inaspettata e prematura morte di Adriano.

Verità dura da elaborare nell'affetto, per l'ancora giovane età e per le idee ed i progetti in divenire, veicolati con passione e generosità, ora da raccogliere quale sua eredità e testimonianza dell'eticità della vita.

Ma guardiamo dritti anche a questa Verità, vicini con cuore e anima proprio come sapeva fare lui per le tante Verità scomode delle quali, con indipendenza intellettuale e tenacia, sapeva raccontare e alle quali riusciva sempre a dare un nome.

Sapeva vedere attraverso, lontano, oltre, sapeva indignarsi profondamente senza mai, negli anni, perdere l’intima speranza che tutto potesse cambiare, migliorare, costruirsi e ricostruirsi ancora.

Con la assoluta convinzione che le trasformazioni sociali si fondano sulla messa in azione della responsabilità di ognuno di noi.

Lo salutiamo amorevolmente, con le parole di Blaise Pascal che sentiva intimamente sue sia pur nella consapevolezza (diceva) di quel che possano valere parole e loro interpretazione.

“Il minimo movimento è importante per tutta la natura. L'intero oceano è influenzato da un sassolino”.

Il nostro bene per sempre.

 

Presentazione libro "Lungo la rotta balcanica"

Lo "Ski spirit" di Giorgio Daidola

Cara Carla, in fondo non sei mai stata di questo mondo

L'esasperato Natale dell’acciaieria, nell’attesa degli improbabili Algerini

Mele giù. Agricoltura su?

Iniziativa popolare federale "Per una Svizzera senza pesticidi sintetici"

La schiavitù da cellulare

Povero Vendola, costretto a giustificare l’indifendibile

Joomla25 Appliance - Powered by TurnKey Linux